Ti piacerebbe avere una giornata di 48 ore?

, , .

gestione-del-tempo-corso

“Il tempo è denaro” recita un vecchio detto popolare. E, come avviene con la maggior parte dei proverbi, anche in questo caso la saggezza popolare non sbaglia: il nostro tempo è prezioso. E dobbiamo imparare a farlo fruttare.

Molti manager (ma sarà di sicuro capitato anche a te!) realizzano, alla fine della giornata, di aver perso molto tempo per cose poco importanti o banali. Si tratta di tempo interamente rubato alle attività che ognuno di noi potrebbe portare a termine per sentirsi meglio: sport, hobby famiglia, affetti…

Giorno dopo giorno ci rendiamo conto di come le nostre task lavorative si accumulino sempre di più, rendendo difficile riuscire a gestire in maniera proficua il nostro lavoro e la nostra giornata. E non è difficile capire come questo si ripercuota anche sulla nostra vita extra lavorativa, giusto?

La causa di questo disagio può essere ricercata in due fattori:

  • Il moltiplicarsi dei compiti quotidiani, che raramente tendiamo a programmare in anticipo
  • L’abuso di tempo nella pianificazione e nella definizione delle priorità di questi compiti.

Ormai viviamo in un circolo vizioso di incombenze, stress, ansia che si ripete all’infinito e, in fin dei conti, non ci porta da nessuna parte.

Quante volte hai pensato “Che bello sarebbe poter avere una giornata di 48 ore!”. Be’, sai, in fondo, non è così difficile? Dipende da te! Ma non preoccuparti: noi possiamo aiutarti!

La cattiva notizia è che il tempo vola. La buona notizia è che tu sei il pilota.

Michael Altshuler.

Scopri come

Sono aperte le iscrizioni al corso GETI: Gestione del tempo.

Con questo corso riuscirai a:

  • Avere un approccio tecnico e personale per facilitare un buon livello di internalizzazione intrapersonale,
  • Applicare un approccio sistemico nella gestione delle questioni in sospeso nei processi di lavoro
  • Ottenere risultati ottimali di performance con bassi livelli di stress.

Leggi il programma del corso ←


 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter